Sono d’accordo con tutto, luposelvatico.

Io ho vissuto una dozzina d’anni a Roma, adesso sono a Torino, in entrambe le città ho usato come mezzo di locomozione la bici — a Roma l’auto non l’ho mai avuta — ma un’automobile, in famiglia, l’abbiamo. Una Multipla, quindi non certo nuova, convertita a GPL, il che non mi autorizza a dire che non inquino. La usiamo solo per andare dai nonni nei fine settimana.

Però mi rendo conto che questa sia una condizione da privilegiato e mi rendo conto che non possano permettersela tutti. Condivido il parere su Milano, dove la rete di trasporti pubblici davvero rende l’automobile rinunciabile, se non per chi, per ragione di salute, davvero non può farne a meno.

Quindi, certo, occorre costruire un’alternativa. Ma la mia sensazione è che nelle politiche sulla mobilità, a Torino non si metta mai in discussione la centralità dell’automobile. Le giunte precedenti non lo facevano né a parole né nei fatti, la giunta attuale lo fa a parole, ma non nei fatti. Quindi, la situazione sempre quella è, e non mi aspetto miglioramenti nel breve medio termine (sul lungo termine, come diceva Keynes, saremo tutti morti, in un modo o nell’altro).

Sul tema dell’effetto dell’inquinamento sulla salute, so che non si tratta di una scienza esatta. Però le fonti che collegano direttamente la presenza di roba brutta nell’aria di Torino con l’insorgere di malattie varie — non necessariamente tutte mortali — cominciano a essere diverse.

Nell’altro messaggio ho citato come fonte l’ARPA. Qui c’è anche l’articolo della prestigiosa rivista The Lancet. Poi, certo, si va di statistica. Io, quando avevo diciannove anni, ho lavorato per due settimane in uno degli ambienti più radioattivi che si possano immaginare, una miniera. Al momento — sono passati oltre trent’anni — pare non mi sia successo niente. Però, i dati sui minatori che in certe miniere ci sono stati parecchio tempo, parlano chiaro, anche se diversi, magari, hanno sempre goduto di ottima salute.

Se con la mia famiglia ci sposteremo, ci allontaneremo un bel po’, andremo a lambire le Alpi. Andremo in una città dove i monitoraggi del centro, per il momento, danno livelli di inquinamento che mediamente sono un quinto/ un quarto di quelli di Torino. Ma, come detto, non ci sposteremmo solo per l’aria :)

Teheran mi manca, amici mi dicono sia bellissima.

Buon rientro!

Written by

Sono un fisico dirottato. In passato tanto nonprofit, oggi formazione e consulenza. Provo a raccontare il mio lavoro su www.diffrazioni.it

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store